Munera 3/2015 – Stefano Biancu >> Pensare il perdono

Munera 3/2015 – Stefano Biancu >> Pensare il perdono

Quale postura assumere, in etica, rispetto alla questione del perdono? È, il perdono, estraneo all’etica – troppo in basso o troppo in alto rispetto ad essa – oppure costituisce il suo centro segreto e rimosso, il cardine attorno al quale tutta l’etica (inconsapevolmente) gira? Ha dunque l’etica diritto (e dovere) di parola in materia di perdono?
La questione è complessa, dato che la sua natura anfibia rende il perdono difficilmente collocabile nel quadro delle categorie classiche dell’etica. Il suo carattere personale lo rende infatti irriducibile all’alternativa tra pubblico e privato: non è un atto semplicemente pubblico (sfonda dunque i confini della sfera politica), ma non è neanche semplicemente privato (ha delle ricadute pubbliche che lo rendono irriducibile a una mera opzione etica privata).
Al contempo, esso appare sostanzialmente estraneo allo spazio etico-politico dei diritti e dei doveri, nella misura in cui non esiste un dovere (etico-politico) di perdonare, né – tantomeno – un diritto ad essere perdonati. Lo attesta il semplice senso comune: affinché ci sia vero perdono, occorre che esso sia libero e gratuito.
Libertà e gratuità collocano inoltre il perdono decisamente all’esterno delle due tradizionali famiglie dell’etica: l’etica di matrice deontologica – un’ etica del “dovere” incapace di fare i conti il carattere libero e gratuito del perdono – e l’etica di matrice consequenzialista – incompatibile con la necessità che il perdono sia disinteressato e incondizionato (sia dunque “insensibile” alle sue conseguenze).
Libero e disinteressato, il perdono si configurerebbe dunque – al più – come una virtù privata: come un atto supererogatorio, tale per cui chi lo pratica, in assenza di un preciso obbligo, sarebbe degno di lode e di encomio, mentre chi lo rifiuta non sarebbe meritevole di biasimo.
In questo senso, il perdono esulerebbe dai confini dell’etica pubblica. Occorre tuttavia domandarsi se non sia possibile un’altra prospettiva.

Acquista l'articolo
per continuare a leggere acquista questo articolo

Utente biblioteche abbonate: clicca qui »

Share