Munera 2/2015 – Maria Bottiglieri >> Tra “solidarietà alimentare” e “fraternità conviviale”. Il diritto al cibo e i nostri doveri

Munera 2/2015 – Maria Bottiglieri >> Tra “solidarietà alimentare” e “fraternità conviviale”. Il diritto al cibo e i nostri doveri

Ad oggi, nel mondo, si contano più di 800 milioni di affamati; di questi il 98% vive nei Paesi in via di Sviluppo. Al numero dei denutriti, inoltre, si affianca quello dei malnutriti: al problema della fame, cioè, si affianca quello della cosiddetta “fame nascosta”, la malnutrizione, che interessa circa 2 miliardi di persone. Mentre a Sud si muore di fame, a Nord ci si ammala di eccessi alimentari. Eppure, le stime dicono che, a fronte di una popolazione di oltre 7 miliardi di persone, il sistema alimentare mondiale produce cibo per 12 miliardi di persone. Fino ad oggi, dunque, il problema della fame non è stato causato dalla mancanza di cibo, ma dalla sua ineguale distribuzione, da un lato, e dal suo spreco, dall’altro: ogni anno, infatti, 1,3 miliardi di tonnellate di cibo vanno perse, sprecate.

Acquista l'articolo
per continuare a leggere acquista questo articolo

Utente biblioteche abbonate: clicca qui »

Share