Munera 3/2018 – Mario Panizza >> Ombre e Sagome

Munera 3/2018 – Mario Panizza >> Ombre e Sagome

È questione non da oggi dibattuta se nella rappresentazione artistica l’ombra stia a indicare un’assenza o una presenza, se essa evidenzi uno spazio vuoto, riempito appunto dalla proiezione di qualcosa che non è lì, ovvero se rimandi, con i suoi contorni che si stagliano rispetto a una o più zone di luce, a un volume, a una massa incombente e quindi, come tale, anche quando non visibile, molto presente.

Questo gioco ambiguo di essere e non essere sembra uno dei fili conduttori delle opere di Mario Panizza della raccolta Ombre e sagome qui presentate: incerto, lo spettatore s’interroga sulla reale natura delle sagome che si delineano dinanzi al suo sguardo e che, nella loro moderna essenzialità, richiamano le raffigurazioni che i primi uomini, a dar vita a una rappresentazione artistica, tracciarono sulle pareti delle grotte nella notte dei tempi.

Ma alla fine, più forte di qualsiasi richiamo alle masse che la originano, l’ombra rappresenta un’occasione figurativa.

Acquista l'articolo
per continuare a leggere acquista questo articolo

Utente biblioteche abbonate: clicca qui »

Share