Munera 1/2017 – Bruno Montanari >> Acqua. Realtà della vita e bene comune

Munera 1/2017 – Bruno Montanari >> Acqua. Realtà della vita e bene comune

L’acqua appartiene alla vita, anzi è la vita stessa poiché ne contiene il germe. Certamente, la biochimica studia e ricostruisce tutti i processi del mondo vitale, ma resta inevaso l’interrogativo radicale sull’origine di ogni possibilità di processo: come è possibile il passaggio dalla semplice “materia” alla ricchezza contenuta nella parola “vita”?

Nell’enciclica Laudato si’ la coappartenenza di materia e spirito è affermata con il vigore critico proprio di chi ha vissuto la temperie culturale e socio-politica latino-americana degli anni Sessanta e Settanta. In particolare, parole significative sono dedicate all’acqua:

«L’acqua potabile pulita rappresenta una questione di primaria importanza, poiché è indispensabile per sostenere gli ecosistemi terrestri e acquatici. […] Un problema particolarmente serio è quello della qualità dell’acqua disponibile per i poveri, che provoca molte morti ogni giorno. […] Mentre la qualità disponibile peggiora costantemente, in alcuni luoghi avanza la tendenza a privatizzare questa risorsa scarsa, trasformandola in merce soggetta alle leggi del mercato» (nn. 28-30).

Qui vengono sintetizzati i due temi affrontati nel contributo: il legame tra questa risorsa e la realtà della vita, che va oltre la sua materialità biologica, e il profilo giuridico strettamente connesso all’interpretazione economica dei beni comuni, dei quali l’acqua è un esempio peculiare.

Acquista l'articolo
per continuare a leggere acquista questo articolo

Utente biblioteche abbonate: clicca qui »

Share